Hai deciso di creare una pagina su Facebook: cosa devi sapere oggi

Share Button

social selling

Mi capita spesso di vedere aziende, che prese dall’entusiasmo e dalla voglia di essere presenti su Facebook, creano la loro pagina con l’illusione che questa si diffonda in modo esponenziale sperando di trovare  migliaia di fan in poco tempo, per poi,  nel giro di qualche mese rimanere delusi domandandosi come mai non raggiungono quanto previsto. In realtà non  fanno nulla di sbagliato, perché in passato  questo poteva anche accadere, era tutto più facile,  oggi non è così che funziona, purtroppo.

Negli ultimi anni Facebook ha cambiato spesso il famoso algoritmo (per spiegare in parole semplici ” l’algoritmo di Facebook” è quel sistema che decide chi e quali post pubblicare e quali non fare nemmeno vedere) diminuendo sempre di più la visibilità dei nostri post.

Nel 2012 la portata organica (la portata organica “organic reach” rappresenta il numero di persone raggiunte da un contenuto della tua pagine in modo naturale ovvero senza avvalersi delle inserzioni a pagamento) delle Fan Page o Pagine Aziendali  arrivava circa al 16% per poi ridursi  nel 2013 al 10%, e secondo un analisi di Social@Ogilvy di più di 100 pagine Brand o Marchi, la portata arrivava al 6% per poi, prossimamente,  essere destinata ad arrivare a zero.

Cosa significa? Esempio: una Pagina che ha 5000 fan, oggi può contare che i suoi post vengano visti da circa  300 fan.

Ora immagina che sei all’inizio, hai creato la tua pagina, ha invitato i tuoi amici e quanti fan sei riuscito a avere? 100? 200?

Pubblichi i tuoi post e lo vedono mediamente 12 persone.

Poi inizi a pubblicare altri post.  Magari hai la bell’idea di fare un post con una promozione o uno sconto con la convinzione che tutti i tuoi 200 fan iniziali la vedano e speri che come per magia il tuo post attiri migliaia di nuovi fan o addirittura aumenti le vendite.

Mi spiace deluderti ma non è così che funziona anche perché devi sapere un’altra cosa molta importante.

Prossimo cambiamento Gennaio 2015

A partire dal prossimo mese esattamente da Gennaio 2015 saranno limitati i messaggi promozionali ossia i post che promuovono un tuo prodotto o servizio (attenzione sto parlando di post non a pagamento).

Secondo Facebook ci sono 3 tipi di post non a pagamento che li definisce “troppo promozionali” per i quali ha stabilito che gli utenti non amano vedere e pertanto ne ridurrà la visibilità.

I post in questione sono di questo tipo:

  1. Messaggi che spingono a promuovere un prodotto o ad installare un app. Sarebbero messaggi troppo espliciti che invitano ad acquistare (esempio:  clicca qui per acquistare)
  1. Messaggi che invitano le persone a partecipare ad un contest o concorso senza dare un contenuto reale o senza essere ospitati su un sito o blog (non mi è ancora molto chiara questa cosa, sarebbe bello che Facebook spiegasse un po’ di più, anche se comunque in Italia i concorsi sono molto complicati grazie alla nostre normative, viene voglia di lasciar perdere subito…)
  2. Messaggi che utilizzano lo stesso contenuto dei post sponsorizzati.

 

Qui sotto  alcuni esempio di post che Facebook non ama:

 

cambiamenti facebook 1

cambiamenti facebook 2

 

 

 

 

 

*********************** 

Ma allora la domanda viene spontanea:

“Si può vendere ancora su Facebook i propri prodotti o servizi?”

Per ora, direi ancora di sì, ma diventa indispensabile creare una propria strategia per raggiungere i propri obiettivi. Non mi stanco mai di ripetere che se un’azienda decide di avere una presenza social è solo per avere un ritorno economico, non certo per passatempo. Avere una presenza social è un investimento sia in termini di tempo e denaro (se vuoi fare le cose in modo professionale).

Ora questo investimento deve rendere, e nella maggior parte dei casi deve servire a vendere!

Bene, detto questo vediamo come utilizzare Facebook nel modo migliore:

1) Fai il punto su quali tipi di contenuti devi pubblicare e pianificali.
2) Utilizza i post per indirizzare traffico sul tuo sito/blog, prediligendo i post con i link nella didascalia. Così fai contento Facebook e ti premia con più visibilità al tuo post e il traffico al tuo sito aumenta.

Esempio Post Link:

post link

 

3) Imperativo: crea un imbuto di vendita o Marketing Funnel e sposta i tuoi visitatori verso questa destinazione. In questo caso puoi utilizzare le TAB per creare il tuo Marketing Funnel direttamente da Facebook sostituendola con il vecchio metodo del Like Gate, ossia ottenere un “MI PIACE” sulla pagina dando in cambio un contenuto nascosto. Un’altra soluzione per superare il recente cambiamento di Facebook del 5 Novembre 2014.

4) Pubblica regolarmente i tuoi post, decidi tu in  base al tuo pubblico quanti post pubblicare a settimana. Prediligi comunque la qualità dei tuoi contenuti dalla quantità.

5) Programma  post sponsorizzati (a pagamento) periodicamente, investendo anche solo pochi euro al mese, ma con un obiettivo specifico da te scelto (trovare nuovi contatti, aumentare i fan,  promuovere un prodotto, promuovere il brand,  ecc…).

Spero che queste informazioni siano utili per capire come fare il tuo prossimo passo per promuovere al meglio la tua attività utilizzando Facebook, che a mio parere offre ancora molte opportunità. Bisogna solo capirne bene la funzionalità per ottenere i risultati migliori.

 

 


Iscriviti alla newsletter per ricevere direttamente nella tua posta contenuti gratuiti di altissimo livello per promuovere la tua attività online.
arrow

 

 

privacy Rispetto la tua privacy